Contatti | Mappa del sito
HomeAssociazioneStrumentiApprofondimentiCall center tecnicoImprese e prodottiNotizieIn evidenzaAderire a UNICMIArea Riservata

Unione Nazionale delle Industrie delle Costruzioni Metalliche dell'Involucro e dei serramenti

Lunedì, 18 Novembre 2019
Home arrow Notizie arrow Ultime notizie arrow Maniglioni antipanico e Marcatura CE
Maniglioni antipanico e Marcatura CE PDF Stampa E-mail
immagine notizia marcatuar CE18 febbraio 2013

18 febbraio 2013: scade il termine per la sostituzione dei maniglioni non marcati CE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricordiamo che il Decreto 6 Dicembre 2011Modifica al decreto 3 novembre 2004 concernente l'installazione e la manutenzione dei dispositivi per l'apertura delle porte installate lungo le vie di esodo relativamente alla sicurezza in caso di incendio’, prorogando di 24 mesi il termine precedentemente stabilito dal decreto 3 novembre 2004, ha fissato al 18 febbraio 2013 il termine ultimo per la sostituzione dei maniglioni non marcati CE installati sulle porte delle vie di esodo nelle attività soggette ai controlli dei Vigili del Fuoco.

 

Si precisa che il decreto Decreto 6 Dicembre 2011 ha introdotto solo e semplicemente un nuovo termine ultimo per la sostituzione dei maniglioni privi di marcatura CE, ma non ha in alcun modo modificato le disposizioni del D.M. 3 Novembre 2004, perseguendo l’obiettivo di garantire la sicurezza.

 

Ai sensi del D.M. 3 Novembre 2004 la scelta del tipo di dispositivo di apertura da applicare sulle porte installate lungo le vie di esodo varia in funzione del tipo di attività (se aperta al pubblico oppure no), dal numero previsto di persone che la utilizzeranno, dalla eventuale presenza di materiale pericoloso negli ambienti abitativi [cfr. DECRETO 3 novembre 2004/articolo 3 Criteri di installazione].

Nella fattispecie dovranno essere applicati dispositivi di apertura conformi alla norma UNI EN 1125 nei seguenti casi:

1.1 l'attivita' e' aperta al pubblico e la porta e' utilizzabile da piu' di 9 persone;
1.2 l'attivita' non e' aperta al pubblico e la porta e' utilizzabile da piu' di 25 persone;
1.3 i locali con lavorazioni e materiali che comportino pericoli di esplosione e specifici rischi d'incendio con piu' di 5 lavoratori addetti.

 

Mentre dovranno essere applicati dispositivi di apertura conformi alla norma UNI EN 179 nei seguenti casi:

1.4 l'attivita' e' aperta al pubblico e la porta e' utilizzabile da meno di 10 persone;
1.5 l'attivita' non e' aperta al pubblico e la porta e' utilizzabile da un numero di persone superiore a 9 ed inferiore a 26.

 

Ai sensi del DECRETO 3 novembre 2004 il produttore dei dispositivi di apertura è tenuto, ai fini della commercializzazione, a fornire le istruzioni per la scelta in relazione all'impiego, per l'installazione e per la manutenzione oltre che ai documenti attestanti la marcatura CE del prodotto:

  • Copia dei certificati rilasciati dal Produttore che attestano la conformità dei dispositivi alla norma UNI EN 179 oppure UNI EN 1125;
  • Copia delle istruzioni per l'installazione che Vi sono state fornite dal Produttore dei dispositivi antipanico che avete seguito rigorosamente;
  • Copia delle istruzioni per eseguire gli interventi di manutenzione;
  • Dichiarazione in cui indicate di aver eseguito l'installazione dei dispositivi di apertura secondo le indicazioni per il montaggio fornite dal produttore dei dispositivi antipanico (dichiarazione di corretta installazione);
  • Dichiarazione (elaborata da Voi oppure dal Prescrittore medesimo) in cui si attesta che la scelta del tipo di dispositivo da applicare è stata effettuata sulla base delle condizioni contestuali dell'edificio (tipo di attività, numero previsto di persone, presenza di materiale pericoloso) ai sensi dell'articolo 3 Criteri di installazione del DECRETO 3 novembre 2004 (dichiarazione di corretta scelta progettuale).

 

L'utilizzatore finale dovrà invece conservare tutta la documentazione da Voi fornita, effettuare la corretta manutenzione del dispositivo osservando tutte le istruzioni per la manutenzione fornite dal produttore del dispositivo stesso e annotare le operazioni di manutenzione e controllo su un registro.

 

L’introduzione dell’obbligatorietà della marcatura CE, che attesta la rispondenza a determinati requisiti essenziali di sicurezza, ha comportato e comporta un nuovo ruolo per tutti gli operatori interessati, che sono chiamati a farsi carico di ben precise responsabilità. Ma la marcatura CE non è e non deve essere l’unico elemento discriminante nella scelta del dispositivo o nella valutazione del dispositivo installato.

 

L’utilizzatore quindi deve essere conscio che fa parte delle proprie responsabilità assicurare l’adeguatezza del dispositivo stesso: cosa a volte non sufficientemente considerata.

 

Per questo punto in particolare le disposizioni del decreto, integrando le normative comunitarie, hanno reso disponibili agli utilizzatori tutti gli elementi per una scelta/valutazione consapevole.

 


Scarica il Decreto 3 Novembre 2004

 

 

 

LEGGI LA NOTIZIA PRECEDENTE SUI MANIGLIONI ANTIPANICO

 

 
2 punti srl